Benessere digitale: il progetto di Google | Blog Micso
benessere-digitale-google

Benessere Digitale: le App di Google

Google ha lanciato Digital Wellbeing Experiment, una raccolta di idee e strumenti che – basandosi sull’idea originale del Benessere Digitale lanciata nel 2018 – aiuta gli utenti a trovare un miglior equilibrio tra la vita di tutti giorni e l’utilizzo della tecnologia.

A tal fine ha pubblicato 5 nuove app sul Play Store che possono essere scaricate su tutti i dispositivi con sistema operativo Android. Ecco quali sono e come funzionano.

L’obiettivo è promuovere un utilizzo più sano e salutare dei dispositivi elettronici mobili.

benessere-digitale

Unlock Clock

Con Unlock Clock non è più necessario accedere alla sezione “Benessere Digitale” di Android per scoprire e rendersi conto di quante volte durante il corso della giornata il telefono è stato sbloccato. Per usare e impostare Unlock Clock come sfondo è necessario installare l’applicazione Sfondi di Google.

benessere-digitale

Questa app è in grado di aggiungere uno sfondo animato allo smartphone con un contatore che registra e tiene traccia di tutte le volte in cui lo smartphone è stato sbloccato durante il giorno.

Post Box

Con l’app Post Box, o Casella Postale, è possibile raggruppare ed ordinare automaticamente tutte le notifiche relative all’indirizzo di posta elettronico e conservarle per essere consultate in un determinato momento della giornata. È possibile scegliere la frequenza con la quale ricevere le notifiche se una sola volta a giorno o più volte.

We Filp

E’ un gioco pensato per migliorare la concentrazione. L’app è in grado di sincronizzare due smartphone per fare a modo che a turno, su uno dei due telefoni, verrà visualizzato un timer che inizierà a scorrere. Lo scopo del gioco è quello di evitare di guardare il telefono, chi resiste più a lungo senza utilizzarlo vince e appena uno dei giocatori lo sbloccherà il gioco avrà fine.

Al termine del giorno l’app permetterà di visualizzare la durata della sessione e chi ha sbloccato per primo il device.

Desert Island

E’ una sorta di gioco di sopravvivenza basato sull’utilizzo delle app presenti sul proprio telefono. Desert Island permette di scegliere solo sette applicazioni sullo smartphone da visualizzare per 24 ore. Le restanti app verranno nascoste temporaneamente alla vista dell’utente, ma saranno sempre e comunque disponibili cliccando un’icona dedicata. Alla fine delle 24 ore, l’app fornirà una serie di dati relativi all’utilizzo dello smartphone.

Morph

Morph è in grado di organizzare la schermata home dello smartphone stabilendo quali applicazioni mostrare in base all’ora del giorno e al luogo in cui ci si trova. Il telefono, automaticamente, mostrerà solo le applicazioni da noi selezionate.

Un valido aiuto per mantenere la concentrazione al lavoro evitando le distrazioni inutili causate dalla miriade di app di cui disponiamo sui nostri device mobili.

Alla base dello sviluppo di queste App ci sono algoritmi basati sui modelli predittivi che raccolgono le informazioni, le organizzano e prevedono il comportamento dell’utente.

Vivi Internet, al meglio

Il progetto di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web.

benessere-digitale

Come si deve comportare un adolescente online per non avere problemi nella vita reale? A chi credere, che cos’è meglio non condividere?

Google, insieme a Telefono azzurro e Altroconsumo, avvia l’iniziativa “Vivi Internet al meglio” per dare supporto a famiglie e insegnanti.

Le pagine realizzate da Google sono articolate in tre modalità: per i ragazzi, per i genitori e per gli insegnanti. Leggendo i testi e guardando i video appare chiaro che le regole comuni di buon senso, che valgono nella vita reale, valgono altrettanto su Internet. 

Smartphone in modalità aereo durante incontri con amici e parenti, ricarica notturna lontana dal letto, bandito il multitasking tecnologico, vietato rispondere agli attacchi degli hater con odio. Sono solo alcune delle regole per il “benessere digitale” che l’azienda mette a disposizione degli utenti nel programma educativo Vivi Internet, al meglio.

Potrebbe interessarti anche l’articolo Google: novità da Mountain View.

Sorry, the comment form is closed at this time.