5G - Rischi e opportunità del nuovo ecosistema | Blog Micso
5g

La rivoluzione 5G

Cosa cambierà con l’arrivo del nuovo ecosistema? Rischi e opportunità del 5G.

Per citare Montemagno “esiste uno striziliardo di dispositivi connessi nel mondo” e le statistiche confermano trend sempre in ascesa.

I dispositivi digitali sono ovunque, iperconnessi, in velocità.

Qual è la tecnologia abilitante per far funzionare tutto questo?

La parolina magica è il “5G”, la quinta generazione della velocità di connessione, la terra promessa del digitale.

5G è la rete di nuova generazione che andrà a superare l’attuale 4G LTE.

Il 5G permetterà di usare la rete mobile per tutta una serie di servizi che finora sono stati appannaggio di altri mezzi. La bassa latenza, in particolare, la renderà preferibile anche ad una ADSL. Potremo giocare online senza problemi, anche in cloud gaming, svincolando il gamer dalla necessità di avere una macchina potente per giocare.

Lo stesso vale più in generale per il cloud computing, ai servizi di streaming, in particolare di video. Contenuti ad altissima risoluzione, fluidi e subito disponibili.

Smart city, Automotive, Chirurgia Teleguidata

Il 5G dovrebbe soppiantare in futuro anche le attuali connessioni in fibra. Niente più modem da collegare alla rete telefonica, ma al massimo un modem 5G.

Sarà l’era dei dispositivi (davvero) sempre connessi, che non debbano più passare continuamente da Wi-Fi a rete mobile.

Tutti i dispositivi connessi avranno l’affidabilità di un’attuale rete cablata su rete mobile, ovvero disponibile ovunque (sistemi di videosorveglianza, droni, auto a guida autonoma ad esempio).

Grazie alla bassa latenza il 5G permetterà di fare passi da giganti anche in medicina, soprattutto nella chirurgia computer guidata a distanza, che permetterà ai chirurghi di operare in qualsiasi parte del mondo in tempo reale.

I bassissimi tempi di latenza offerti dal 5G, nell’ordine di pochi millisecondi, assicurano al medico condizioni di lavoro analoghe a quelle in cui si trova in sala operatoria.

5G e Digital Divide

Ma ci vorrà molto tempo per assistere al compimento di questa vera e propria rivoluzione.

E non mancheranno i disagi. l’arrivo del 5G è collegato ad un inevitabile aumento del digital divide.

La forbice tra aree più o meno connesse si allargherà sempre di più: dove le infrastrutture 5G saranno efficienti gli utenti potranno sperimentare alte velocità e capacità, mentre nelle zone un po’ più scoperte saranno visibili molti problemi.

Il 5G in sintesi

1 la possibilità di andare più veloce, 100 volte più veloce del 4G

2 connetterà tra di loro tutti i dispositivi

3 farà funzionare bene, per davvero, i dispositivi, anche quando sei in giro, su treni, aerei

4 il tempo di reazione è superveloce, ha una latenza ultra bassa di 1 ms

5 sarà utile nell’industria 4.0 dove la tecnologia è fondamentale e darà la possibilità di collegare tutti i dispositivi in modalità wireless, senza più bisogno di cavi

Tech News

La prima azienda a supportare il 5G sarà Apple.

Entro Settembre 2020 presenterà quattro modelli che supporteranno il 5G sia attraverso la tecnologia mmWave (che utiliza una gamma di frequenze molto elevate, le onde millimetriche che viaggiano tra i i 6 e 100 GHz) sia Sub-6 Ghz.

Grazie a mmWave è possibile raggiungere velocità di 1 Gbps a breve distanza da ripetitori e impianti, rendendola così indicata per l’impiego nei centri urbani.

Viceversa la tecnologia 5G sotto ai 6GHz offre velocità massime inferiori ma portata e distanza superiori, risultando così idonea per l’impiego nelle aree periferiche e anche rurali. 

Come disse il saggio…

E’ vero che ogni cambiamento non rappresenta un progresso, ma è altrettanto vero che il progresso passa sempre dal cambiamento.