Valorant: un nuovo impero nel panorama degli sparatutto? | Blog WAdsl
valorant

Valorant: un nuovo impero nel panorama degli “sparatutto” online?

Valorant, il nuovo titolo di Riot Games che promette già altissimi livelli.

di Lorenza Febo

Questo nuovo titolo è stato creato dalle menti esperte della Riot Games, casa già estremamente famosa per uno dei giochi di maggior successo a livello mondiale – trattasi dell’intramontabile League of Legends – e promette già altissimi livelli.

Al momento rilasciato solamente in beta, Valorant è uno sparatutto tattico in prima persona che si può idealmente collocare in una via di mezzo tra quelli che sono i meccanismi di Overwatch e quelli di Counter-Strike, con una particolare strizzata d’occhio a quest’ultimo.

Gameplay

Come nel primo dei riferimenti appena citati, anche qui è possibile scegliere tra una gamma di “agenti” presenti, ognuno con delle caratteristiche e delle peculiarità diverse, utili a differenziare ed adattare il proprio stile di gioco.

Valorant prevede una battaglia a due squadre, composte da cinque agenti, atte a perseguire la vittoria con obiettivi diversi: per prevalere è necessario piazzare un ordigno sulla mappa giocabile, se si è in attacco, o disinnescare lo stesso, se si è in difesa. In caso ulteriore, è comunque possibile imporsi decidendo di eliminare l’intera squadra avversaria.

In aggiunta alla scelta del tipo di agente più congeniale al proprio stile, al fine della vittoria, Valorant dà inoltre la possibilità di provvedere all’acquisto di armi e abilità lungo i round, con l’utilizzo di crediti accumulati dal giocatore in base all’andamento della partita.

viper concept valorant

Non è in dubbio che questo titolo sia stato pensato e progettato come nuovo possibile dominatore in campo competitivo. Il suo peso a livello mondiale, nel mondo del gaming, è già consistente nonostante sia ancora agli albori: oltre il successo tra visual e player comuni, è noto come anche alcuni giocatori professionisti abbiano deciso di cambiare rotta e di lasciare i propri team competitivi (questione nota tra le file di Counter-Strike ma anche tra quelle di Overwatch) per rilanciarsi sul nuovo titolo della Riot.

Diffusione

Come il maggiore di casa Riot Games, anche Valorant è stato annunciato come titolo gratuito, dando la possibilità a chiunque, in futuro, di poter giocare.

Al momento, come già accennato, il gioco è disponibile solo come beta a numero chiuso e per poter entrare in game è necessaria una chiave di accesso.

Questa si può ottenere collegando l’account Riot Games a quello Twitch (che, in caso di assenza, possono essere facilmente creati in modo del tutto gratuito) e seguendo il gioco su quest’ultimo, si potrà avere la possibilità di essere scelti per l’ottenimento della chiave. In caso di selezione sarà consentito effettuare l’accesso alla beta.

Anche per merito di questo espediente, Valorant ha ottenuto un enorme seguito già dalle prime ore dal lancio: sia grazie alla curiosità di vedere le dinamiche e le caratteristiche del nuovo titolo, sia grazie probabilmente al momento storico che stiamo vivendo, lo sparatutto di casa Riot è ad oggi tra i giochi più seguiti sul famoso canale di streaming online.

Qui trovi la versione Beta

disponibile anche su Twitch.